Laboratori – Scuola primaria e secondaria di primo grado

LA VITA DI BORDO

Illuminazione a bordo: le lucerne romane

L’illuminazione a bordo delle navi era assicurata da piccole lampade a olio di ceramica o raramente in metallo. Funzionamento e ricostruzione di lucerne imperiali in argilla e stampi bivalvi, sul modello di quelle rinvenute durante gli scavi e ora esposte.

 

La cucina di bordo

L’alimentazione dei marinai e le cucine di bordo. realizzazione di due ricette tratte dal De Re Coquinaria di Apicio.

 

Un tesoro nella cassetta: storia di un bagaglio perduto

Uno dei più incredibili ritrovamenti è una cassetta in legno, rinvenuta vicino alla Nave A, che ha conservato al suo interno un gruzzolo di monete, custodite in un sacchetto, e oggetti personali che forniscono un quadro del bagaglio di un marinaio del II secolo d.C. Cenni sulla monetazione romana e realizzazione di un conio di un sesterzio di epoca imperiale sul modello di quelli rinvenuti all’interno della cassetta.

 

La cartolina del marinaio

All’interno della cassetta del marinaio, fra gli oggetti personali, sono stati rinvenuti reperti che aiutano a capire il mondo della comunicazione nell’antichità. Realizzazione di uno stilo e del piccolo volumen rinvenuti nella cassetta.

 

STRUMENTI E ATTREZZATURE PER LA NAVIGAZIONE

Il tempo, il cielo, la rotta

Come si orientavano i marinai? Dopo aver osservato il planetario, si analizzeranno meccanismi e funzioni della navigazione nell’antichità e il rapporto tra l’uomo e il mare. Dopo una breve introduzione sulle vie marittime e gli strumenti in uso per il calcolo delle rotte, il laboratorio sarà incentrato sulla ricostruzione di una meridiana in legno, strumento fondamentale di ogni marinaio in epoca antica.

 

I COMMERCI

Tituli picti e ceramica graffita

Cenni sulle rotte commerciali e sull’organizzazione dei carichi delle navi nell’antichità. Riproduzione su frammenti ceramici di segni e iscrizioni dipinte o graffite, ritrovati su reperti rinvenuti durante gli scavi, funzionali alle indicazioni del contenuto e ad altre informazioni sullo stoccaggio del carico.

 

Oleum romanorum: un solo prodotto dai mille usi

All’interno delle anfore e dei dolia, i grossi contenitori da trasporto, rinvenuti nello scavo ed esposti, molto spesso veniva trasportato l’olio, un prodotto che in epoca romana aveva letteralmente mille usi. Laboratorio su alcuni dei suoi utilizzi e realizzazione di un profumo, mescolando l’olio con essenze e fiori.

 

LE IMBARCAZIONI RITROVATE

Un pezzo di Alkedo, il bianco e il rosso

Cenni sulle tecniche di carpenteria navale antica e realizzazione su un frammenti di legno della tecnica di calafataggio e di verniciatura dello scafo della nave Alkedo, grande imbarcazione a remi di età augustea, una delle più importanti scoperte del cantiere delle Navi: conserva intatta gran parte dello scafo, compresa la prua fendiacque e le panche dei rematori, su  una delle quali è inciso il nome dell’imbarcazione, ALK(E)DO (gabbiano).

 

Il look di bordo

Durante lo scavo delle Navi di Pisa sono stati rinvenuti indumenti da lavoro, accessori, amuleti che, insieme alla fonti antiche, consentono di immaginare il look dei nostri marinai dell’antichità. Confezionamento di una tunica esomide (la tunica corta che lasciava scoperta una spalla) e di un grembiule da lavoro in ecopelle sul modello di quello in cuoio rinvenuto durante lo scavo dell’Alkedo.

 

IL MESTIERE DELL’ARCHEOLOGO E DEL RESTAURATORE

Vaso. Una parola, tanti usi

Laboratorio di analisi della ceramica per apprendere, forma per forma, la funzione delle varie tipologie di contenitori e imparare a riconoscere le forme e organizzarle per tipi.

Durata: 2 ore

COME PRENOTARE

Lunedì – Venerdì
9.30 – 17.30

+39 050 47029

Prenota

Prenotazione obbligatoria

Diritti di prenotazione 10€ a classe